L'allenamento funzionale, consigli e tecniche di allenamento

by squid Email Condividi su Facebook:



L'allenamento funzionale (Functional Training) è un’attività sportiva che può essere praticata anche a livelli molto elevati ed è bene, soprattutto in questi casi ma non solo, attenersi a qualche regola guida.

Intanto è doveroso sottolineare che il primo passo per ottenere un buon risultato nei modi e nei tempi giusti è quello di prefiggersi un obiettivo da raggiungere – non impossibile, però: il Functional Training fa bene ma, sia chiaro, non fa miracoli!

Altro punto cruciale che è giusto ribadire ancora una volta è: l’allenamento non è mai standard ma deve essere personalizzato in base alle proprie specifiche necessità e alle proprie effettive condizioni fisiche e di salute. Quindi meglio farsi seguire da un esperto. Ma questo non deve demotivare gli amanti della ginnastica fai-da-te: allenarsi in casa, in giardino, al parco è possibile – anzi, il Functional Training in questo senso è uno dei pochi sport che si presta ad essere praticato come, dove e quando si vuole – ma occhio a non esagerare!

Allenamento funzionale tramite Kettlebells e fitball.

Per evitare di incorrere in spiacevoli incidenti durante l’allenamento è quindi opportuno mantenere la massima concentrazione e il controllo del movimento (se si pratica in casa e si è alle prime armi il consiglio è quello di servirsi di uno specchio per tenere d’occhio lateralmente la postura del corpo nel corso della seduta). Come per tutte le attività sportive, infatti, se fatta nei modi sbagliati può provocare danni. Vediamo quindi qualche regola di base:

  • Non inarcare la schiena quando si pratica il sollevamento di carichi molto pesanti sopra la testa (come per esempio nell’esecuzione dello snatch o dello swing): è un errore molto comune perché si tende a compensare il peso con uno sbilanciamento all’indietro, ma è necessario mantenere la schiena tesa ed eventualmente ridurre il carico stesso;
  • Negli affondi avanti o indietro e nello squat accertarsi che il ginocchio non superi la pianta del piede ma resti al massimo in linea con essa (altrimenti si accuseranno dolori alle articolazioni del ginocchio e, nei casi più gravi, si può incorrere nello stiramento del tendine);
  • Negli esercizi con la schiena a terra (per esempio negli addominali) non bisogna inarcare la zona lombare per non accusare dolori postumi alla base della schiena (consigliamo di effettuare gli esercizi addominali con fitball);
  • Per chi soffre di lassità legamentosa dei polsi, il consiglio è di allenarsi inizialmente con kettlebell di pesi ridotti (o anche a mani libere) per poi aumentare via via il carico, così da dare ai legamenti stessi il tempo di abituarsi all’esercizio;

E ora una perla di saggezza per tutti: accusare doloretti vari dopo una seduta di Functional Training, specie se si è all’inizio, è normale!

L’unico consiglio, in ogni caso  e quindi valido per tutti, è quello di dedicare almeno 5 minuti di stretching alla fine dell’allenamento, controllando la respirazione in fase di allungamento e tenendo la posizione per qualche secondo, quindi rilasciandola gradualmente.


Bodybuilding gratis.
Resta aggiornato cliccando su Mi Piace

Condividi su Facebook: